Edizione del 27 maggio 2009

Aspettando Cumiana 2010
Lavori in corso per festeggiare i 1.200 anni del Comune

CUMIANA - Sotto il nome di "Donazione di Teutcario" viene indicata l’antichissima carta datata 810 con cui il più antico feudatario di Cumiana donò le proprie terre ai monaci dell’abbazia della Novalesa, in alta Val Susa. Essa costituisce il documento più antico in cui ricorre il toponimo "Cumiana" (Quomoviana) e, in qualche modo, può ritenersi prezioso in quanto atto di fondazione. Nessun cumianese fino a oggi ha mai potuto osservare da vicino il documento originale conservato presso l’Archivio di Stato di Torino. Solo alla fine dell’Ottocento il conte Luigi Provana di Collegno ne trattò diffusamente in un ampio studio e, più tardi, nel 1962, mons. Michele Grosso riprese il tema nella sua "Storia di Cumiana".

Il prossimo anno, 2010, ricorre il 1.200º anniversario della donazione: si può far risalire a quell’epoca l’atto di nascita della comunità cumianese. L’intero Comune già si sta mobilitando per celebrare l’evento con una serie di manifestazioni che si articoleranno nel corso di molti mesi del prossimo anno. Al lavoro già un gruppo di persone coordinate dal consigliere e già assessore al Turismo Antonino Virdò, che per primo ha lanciato l’idea.

La bozza di programma delle manifestazioni, in elaborazione anche compatibilmente con i costi, prevede innanzitutto la definizione di un logo a cui stanno lavorando gli studenti delle scuole cumianesi. Il calendario degli appuntamenti si potrebbe estendere da aprile a ottobre, con l’apertura dedicata a un convegno di alto livello, di carattere scientifico, a partire dal manoscritto. Sul versante culturale sono in programma eventi musicali e teatrali, ma anche visite ai monumenti cumianesi, letture all’aria aperta, itinerari turistici, passeggiate. L’estate sarà caratterizzata dalla sfida del "Palio dei borghi", che vedrà scontrarsi i vari borghi in cui sarà suddiviso il Comune per sfide sportive. Ma si prepara anche una notte bianca per un sabato e una domenica di luglio, con giochi, cena e mercatino medievali. Si sta valutando l’opportunità di mettere in scena una sfilata storica lungo le vie del paese, che possa rappresentare un lungo racconto storico di Cumiana in questi 1.200 anni.

Francesco Faraudo